La Liguria

Una scogliera, ininterrotta, lunghissima. Un treno che ne attraversa le viscere e ne pesta i piedi su viadotti altissimi vista mare. Mille sentierini, scalini, tortuose risalite dal basso verso l'alto, o ripidissime corse senza appello dalla cima fino in acqua, e poi grovigli di automobili e case con le facciate tutte finte, tutte dipinte. Colorate, strette alte e quadrate.

Sulla cima, un campeggio. All'ombra dei suoi alberi file di tende, grandi, piccole, appuntite, vecchie, nuove fiammanti, super equipaggiate con tavolini, teli verande e idromassaggi pieghevoli popolate da ragazzi nordici vichingamente biondi e ricci, torme famigliole olandesi e terzetti francesi atipici composti da padre e gemelline. Nel mezzo, qualche italiano, più per caso che per errore, con tende scarsamente equipaggiate, e provenienze molto meno esotiche: le milanesi (ma l'anno prossimo le facciamo comode le vacanze, vero?) e i torinesi (subito attrezzati con un filo per stendere gli asciugamani bagnati).

Un campeggio, una irta collina, una lunga e ripida salita. Fiumi di sudore che colano per i gradini in pietra, che concimano le erbette che crescono tra led sconnessioni dell'asfalto e del selciato. Il sole, caldo e splendente, il cielo blu appena velato di una leggerissima foschia.

In basso, ai piedi, il mare leggermente appena mosso e ogni angolo, caletta, roccione, popolato di bagnanti bambini e vecchi, famiglie e ragazze, gruppi di giovani e qualche gabbiano qua e là. Intanto, i treni continuano a attraversare la montagna a percorrere i viadotti e a intrufolarsi irriverenti tra le casette quadrate sottili e inerpicate d'altri tempi, d'altri usi.

Al largo, vele e diporto. Barchini e barchette, canoe in affitto, e gabbiani che si riposano adagiati sull'andirivieni verticale delle onde. Sulla riva, eroi che tentano di entrare in acqua e lucertole che si rosolano al sole, chiesette a picco sul mare e passeggiate provocatoriamente a dirupo sui bagnanti , venti metri sotto, spalmati all'abbronzatura selvaggia. Prospettive verticali e vertiginose.

Liguria.